AUTOVELOX QUANDO LE MULTE SONO ILLEGITTIME

AUTOVELOX QUANDO LE MULTE SONO ILLEGITTIME

Come tutti ormai sappiamo gli Autovelox sono quegli strumenti che vengono utilizzati per rilevare la velocità di movimento dei veicoli su strada al fine della irrogazione di contravvenzioni per coloro che non rispettano i limiti di velocità imposti dalle Autorità. Le contravvenzioni emesse non sempre sono legittime.

QUALI SONO I REQUISITI CHE GLI AUTOVELOX DEVONO RISPETTARE:

  • Obbligo di revisione: qualche anno fa la Corte Costituzionale con sentenza n.113 del 2015 ha stabilito che gli apparecchi di rilevazione della velocità (quelli fissi) sulle strade devono essere necessariamente revisionati periodicamente: se tale onere non viene soddisfatto le multe emesse sono illegittime. Quindi le multe comminate e non ancora pagate successive alla sentenza detta potranno essere annullate.
  • Obbligo di omologazione – gli autovelox devono essere omologati dal Ministero dei Trasporti e gli estremi dell’omologazione devono essere riportati nel verbale di contestazione.
  • Adeguata segnalazione – la Cassazione ha più volte ribadito tale obbligo che se non rispettato comporta l’illegittimità del verbale di contravvenzione emesso. L’obbligo di segnalazione risponde infatti all’esigenza di garantire il rispetto dell’obbligo civile di trasparenza gravante sulla Pubblica Amministrazione. La distanza tra la “segnalazione” ed il luogo in cui è collocato l’autovelox non può mai essere inferiore a 1 km o superare i 4 km. Anche lo stato dei luoghi incide su tali distanze. Esso è infatti condizionato dallo stato dei luoghi (se tra il segnale di segnalazione ed il luogo dove è posto l’autovelox vi sono intersezioni, l’autovelox non è legittimo anche se la segnaletica rispetta le distanze che sopra abbiamo indicato).
  • Obbligo di indicazione del limite di velocità –  Affinché la contestazione sia valida è necessario che sia indicato il limite di velocità. Valgono per tale indicazione i principi posti per l’adeguata segnalazione (in caso di incrocio il segnale del limite di velocità deve essere riproposto).
  • Dove possono essere ubicati – Possono essere posizionati incondizionatamente solo sui percorsi extraurbani. Su percorsi urbani ordinari solini caso di strade ad alto scorrimento caratterizzate da pericolosità, traffico o difficoltà nel fermare i veicoli. In tale ipotesi è inoltre obbligatoria la presenza di un agente preposto al servizio di polizia nella fase di elaborazione dell’accertamento.
  •             Quando sono in contrasto con la direttiva 21.07.2017 prot. n. 300/A/5620/17/144/5/20/3 Ministero dell’interno dipartimento pubblica Sicurezza: gli autovelox violano le esigenze di riservatezza quando non permettono la contestazione immediata della violazione, attraverso la ripresa fotografica frontale del veicolo quando l’apparecchiatura permette la memorizzazione di immagini che consentono di identificare le persone che vi si trovano a bordo.
  •             Quando la notifica del verbale è nulla: il verbale potrebbe essere nullo per: 1) violazione dell’art. 201 del c. d. S. perché notificato oltre i termini di legge, ovvero oltre i 90 giorni dalla data di accertamento dell’infrazione e oltre trecentosessanta giorni per i soggetti residenti all’estero; 2) per contrasto con la normativa sul trattamento dei dati sensibili, quando il verbale viene stato stilato su un modulo non idoneo previsto per legge. Infatti in tema di sanzioni amministrative, la notificazione degli estremi dell’infrazione effettuata da un funzionario dell’Amministrazione che l’ha accertata, come consentito dall’art. 14 comma 4, L. 689/81, comporta l’osservanza di tutti gli adempimenti prescritti dal c.p.c., con la conseguenza che nel caso di notificazione eseguita a norma dell’art 149 c.p.c. a mezzo del servizio postale l’agente notificatore è onerato dagli adempimenti relativi, costituiti dalla redazione della relazione di notifica sia sull’originale dell’atto, sia sulla copia da notificare, con menzione in entrambe sia dell’Ufficio Postale per mezzo del quale viene spedita la copia del destinatario in plico raccomandato con avviso di ricevimento, da allegare all’originale, sia della persona cui l’atto è stato consegnato; 3) per difetto di idonea prova in concreto: il plico contenente l’impugnato verbale deve essere recapitato al ricorrente con la rituale “prova fotografica” della contestata violazione. A nulla rileva la circostanza che il fotogramma relativo all’infrazione possa essere visionato presso gli uffici di P.M. atteso che detta documentazione costituisce parte integrante ed inscindibile della contestazione ed anzi ne è elemento essenziale e probante.

0 comments on “AUTOVELOX QUANDO LE MULTE SONO ILLEGITTIMEAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi